Cosa succede quando il caffè scade e come riutilizzarlo

Il caffè scaduto fa male?

Alcune volte capita di consumare caffè scaduto, si compiono tutte le operazioni di preparazione della bevanda e solo dopo averlo bevuto ci si accorge che il caffè in polvere o in capsule fosse scaduto.

Cosa fare in queste circostanze? Quali sono le conseguenze del bere caffè scaduto?

Iniziamo col tranquillizzarvi, bere caffè scaduto non provoca danni all’organismo (qui invece vi spieghiamo perché bere caffè non fa male).

Ora che il pericolo maggiore è passato, vi spieghiamo quali sono le caratteristiche e qualità del caffè scaduto e come è possibile riutilizzarlo.

E’ possibile bere caffè scaduto: limiti e accortezze

Sì, il caffè scaduto può essere bevuto.

Ma prima di consumarlo bisogna fare delle valutazioni e prendere i dovuti accorgimenti.

Prima di tutto, devi valutare lo stato, il modo di conservazione e il luogo in cui è posizionata la confezione di caffè in polvere o delle capsule.

Per quanto riguarda la conservazione della polvere di caffè è fondamentale che avvenga in un luogo asciutto, non esposto alle fonti di luce e di calore e soprattutto che sia conservato in una confezione sottovuoto.

Se tutti questi requisiti vengono soddisfatti, allora potrai bere caffè scaduto fino a 5 mesi dopo la data di scadenza presente sulla confezione: ti consigliamo comunque di valutare lo stato del prodotto prima della preparazione.

Cosa succede se bevo caffè scaduto?

Se non ti è mai capitato di bere caffè scaduto sei un privilegiato o semplicemente non te ne sei nemmeno accorto!

Infatti se il caffè è conservato secondo le regole scritte nel precedente paragrafo, non c’è differenza tra bere caffè scaduto e caffè normale.

Se invece il caffè non è conservato bene o è scaduto da molto tempo, gli effetti sono diversi e si manifestano con la perdita di aroma.

Il caffè scaduto (e non conservato bene) perde l’aroma ottimale e diventa insipido, privo del sapore che lo rende la bevanda più amata dall’uomo (soprattutto di lunedì mattina!).

Come riutilizzare il caffè scaduto

Se il caffè è scaduto e non puoi più gustarne l’aroma, utilizzarlo per preparare un frappuccino stile Starbucks o un gustoso liquore al caffè, allora ci sono modi intelligenti per utilizzare il caffè scaduto senza buttarlo.

Un metodo molto intelligente di riciclare il caffè scaduto è usare i suoi fondi per eliminare i cattivi odori.

Infatti inserire i fondi di caffè nel frigorifero o nella dispensa è un rimedio molto efficace per combattere i cattivi odori che spesso imperversano in questi ambienti.

Il caffè scaduto può anche essere utilizzato per lucidare i bicchieri, le pentole e le posate colpite dal calcare: in poche semplici mosse potrete averli come nuovi grazie a un prodotto che stavi quasi per buttare!

Saremo felici di sapere che cosa ne pensi

Leave a reply