Bere il caffè durante la gravidanza, un approfondimento

Va bene avere un po’ di caffeina se ne hai bisogno, a patto di tenere d’occhio quanta ne stai consumando.

Ma se non hai consumato caffeina prima, non c’è motivo di iniziare a farlo una volta incinta, anche perché questa pratica non è esente da rischi soprattutto se il corpo non hai mai assunto prima tale sostanza.

Appurato che il caffè non fa male, ti consigliamo di evitare di assumerlo per la prima volta durante la gravidanza: un’ulteriore attesa di nove mesi non potrà che giovare al tuo fisico.

Quanta caffeina c’è nel tè rispetto al caffè?

Il tè tende ad avere meno caffeina del caffè preparato (che tende ad avere più caffeina di un latte macchiato o di altre bevande a base di caffè).

Nei seguenti paragrafi ti indicheremo la quantità di caffeina presente nelle diverse bevande.

Quanta caffeina c’è nel caffè

  • 8 once di caffè preparato: da 95 a 165 mg
  • 8 once di caffè decaffeinato preparato: da 2 a 5 mg
  • 1 oncia di caffè espresso: da 47 a 64 mg
  • 1 oncia di caffè espresso decaffeinato: 0 mg
  • 8 once di caffè istantaneo: 63 mg
  • 8 once di latte o moka: da 63 a 126 mg

Quanta caffeina c’è nel tè

  • 8 once di tè nero preparato: da 25 a 48 mg
  • 8 once di tè nero decaffeinato preparato: da 2 a 5 mg
  • 8 once di tè verde preparato: da 25 a 29 mg

Quanta caffeina c’è nelle bevande energetiche

  • 8 once di bevanda energetica: da 27 a 164 mg
  • 8 once di cola: da 24 a 46 mg
  • 1 oncia di un energy drink: da 40 a 100 mg

Come fare per non superare i limiti quotidiani

Poiché il tè con caffeina contiene meno caffeina del caffè, se sei una persona a cui piace il rituale di far correre la tua caffeina quotidiana e tenere una tazza calda tra le mani, potresti trovare utile passare dal caffè al tè.

Mentre una tazza di caffè da 8 once ti porterà vicino al limite di 200 mg, una tazza di tè nero da 8 once ha solo 50 mg, il che significa che puoi goderne due senza superare la quantità consigliata.

Tieni a mente di questo piccolo ma essenziale trucco per limitare il consumo quotidiano di caffeina e tenere sotto controllo tutti i più importanti indicatori di salute.

Come ridurre la caffeina durante la gravidanza

Melius abundare quam deficere dicevano i latini ma in questo caso ti consigliamo di usare cautela e non esagerare con la caffeina.

Considera di ridurre la caffeina a una o due (piccole) tazze al giorno al massimo.

Se anche questo sembra scoraggiante, ecco alcuni modi per rendere il processo un po’ più semplice:

Scopri cosa ami di più della tua dose di caffeina.

È il gusto del caffè che desideri?

È facile: passa a un infuso decaffeinato di qualità e goditi il ​​sapore senza caffeina (anche l’espresso viene decaffeinato).

Non puoi vivere senza bibite strong?

Passa invece ad acqua frizzante, succhi frizzanti o bibite gassate prive di caffeina, ma con moderazione se sono piene o zuccherate o zuccherate artificialmente.

Sei dipendente dall’energia della caffeina?

Ottieni una carica di energia più sana da uno spuntino a base di carboidrati complessi e proteine ​​(otterrai sia da formaggio che da cracker o frutta secca e noci), esercitandoti regolarmente (anche una passeggiata di 10 minuti darà una scossa al tuo livello di energia) e facendo dormire a sufficienza (ma non troppo, il che può effettivamente renderti più stanco).

Seguendo questi piccoli ma fondamentali consigli potrai continuare ad assumere caffeina durante la gravidanza.

Cosa devi sapere: avvertenze

Questo articolo ti fornisce dei consigli utili per affrontare la gravidanza ma non è una vera e propria guida medica, per questo motivo ti consigliamo di consultare sempre il medico di base o specialista, soprattutto in caso di insorgenza di sintomi particolari.

Saremo felici di sapere che cosa ne pensi

Leave a reply